Incontri. #1

Ho già raccontato tante volte la sensazione che mi fa viaggiare con i mezzi pubblici, quel contatto limitato nel tempo con persone che non conosci e forse non vedrai mai più e pensare che ognuna di loro ha una storia (o molte più di una) che porta con sè, dei pensieri, una meta…
Oggi ci sei tu, che non arrivi a trent’anni e ti trovo meravigliosamente fuori del tempo. I tuoi pantaloni sportivi, la camicia militare a maniche lunghe, il foulard a quadretti al collo. E poi gli occhiali da sole tondi e quei grandi orecchini ad anello e il piercing ad anellino al naso. Un grande zaino da escursioni sulle spalle. Ovviamente ti fai le sigarette con il tabacco e le cartine, non poteva essere diversamente .
E io qua, a poca distanza da te, nei miei jeans stretti e scarpe da ginnastica, i capelli legati e il mio zaino da nerd (quale sono), che ti guardo e fantastico di come mi piacerebbe prenderti e portarti da qualche parte, spogliarti lentamente, accarezzare il tuo corpo, baciarti dovunque e amarci e raggiungere insieme quel piacere che solo due donne sanno darsi.
Poi la corsa del treno finisce, tu vai da una parte, io dall’altra. Buon viaggio, dolce sogno erotico di venti minuti…

Lascia un commento