Mostri. #2

A volte basta poco, quasi nulla. E lei arriva. Sembra che mi voglia ricordare che è sempre lì, che non se ne andrà mai via, che starà con me fino alla fine dei miei giorni.
Lei libera la parte nascosta di me, i miei mostri nascosti in chissà quali profondità dell’anima, e loro pretendono la loro parte. Affrontarli è sempre difficile, si attaccano ai piedi, vogliono trascinarmi con loro nell’abisso, quell’abisso che io stessa ho creato e alimentato negli anni. Lei, la mia gemella cattiva, una sorta di lato oscuro di me stessa che ha dominato la mia vita per tanti anni e non ho mai sconfitto del tutto, perché è impossibile, perché lei è me e viceversa e solo la morte ci separerà un giorno.
La sua forza è enorme, può stare nascosta per mesi, ma quando decide di venire allo scoperto lo fa con una potenza che la rende incontrollabile. E il suo esercito di creature oscure e cattive mi attacca all’improvviso e prima o poi io cedo, perché non posso combatterla sempre. Allora i pensieri brutti e oscuri invadono la mia mente, e mi portano via da questo mondo, anche se io cerco di aggrapparmi con tutte le mie forze a tutto ciò che ho di meraviglioso. La guerra è ricominciata, ancora, come sempre, come tante altre volte in passato e come succederà di nuovo in futuro. L’esito è incerto, come sempre, ma sono pronta a lottare.

Poi seguirmi anche qua:
Condividi questo post

Lascia un commento